Kickass Torrents si alza dalle ceneri dopo cinque mesi offline

Nel luglio di quest'anno, un'operazione di polizia ha abbattuto Kickass Torrents, considerato il più grande sito di torrent al mondo. Ora, tuttavia, il team originale responsabile della creazione del portale dei pirati è riuscito a rimetterlo in onda.

La notizia è stata rilasciata da TorrentFreak venerdì (16). Il sito spiega che poco dopo che il sito è stato rimosso dalle autorità, i membri responsabili di mantenere il servizio in onda si sono riuniti e hanno creato Katcr.co, un forum in cui hanno iniziato a discutere della possibilità di riportare Kickass in pista.

"La maggior parte del nostro team, amministratori e moderatori si è unito a noi dopo che Kat.cr è stato rimosso - qualcosa che ci rende molto orgogliosi", ha detto un membro a TorrentFreak.

L'idea ha conquistato i fan e oggi Katcr.co non è più solo un forum e ha aperto un portale completo con milioni di torrent indicizzati, proprio come il suo predecessore. L'aspetto è lo stesso, che aiuta i vecchi utenti a sentirsi a casa, ma il database è nuovo, con nuovi torrent e nuovi uploader. Nonostante ciò, anche i classici collaboratori sono tornati, il che assicura che i soliti contenuti siano già disponibili sul pirata di calcio.

"I principali caricatori sono tornati (...). La comunità torrent può aspettarsi di continuare a vedere i caricamenti di tutti quelli che già conosce e di cui si fida qui", ha detto uno dei membri del team del sito.

Inoltre, il sito afferma di aver adottato nuovi meccanismi per proteggere gli utenti e che non ritiene che il ripristino del sito possa causare problemi. A questo proposito, l'argomento principale è che nessun contenuto è archiviato sui server del portale torrent.

"KAT è un forum della comunità e un motore di ricerca per i torrent. Nonostante le opinioni contrarie, i torrent non sono illegali", spiega. "Fino a quando Kickass Torrents continuerà a operare rigorosamente nel rispetto della legge, non condurremo certamente alcuna attività criminale".

Ora è il momento di aspettare e vedere se le autorità di contrasto e le entità di protezione del copyright condividono questa visione o se stanno per innescare un nuovo sciopero per far crollare il nuovo sito. Nel frattempo, è bello divertirsi.

Fonte: TorrentFreak

Articoli Correlati